/ Scienze

Il cielo in una stanza

E quindi uscimmo a riveder le stelle”, si conclude così il viaggio all’inferno del poeta Dante Alighieri. E anche noi presto riusciremo a rivedere le stelle dopo questi mesi difficili di quarantena.

Torneremo a sdraiarci sulle spiagge o nei prati di montagna, ad aspettare la prima stella e poi le altre. Le potremo vedere comparire una ad una e forse cadere.

Nell’attesa, abbiamo creato un kit per realizzare un piccolo cielo nella nostra stanza. Un modo per imparare a riconoscere le costellazioni, capire la loro storia e immaginarne di nuove.

cosa sono le costellazioni?

Provate a disegnare dei puntini neri in ordine sparso su un foglio bianco.

Automaticamente il vostro occhio cercherà di raggruppare gli elementi più vicini tra loro e creare uno schema mentale che dia un ordine a quella disposizione: una linea retta, un percorso lineare spezzato, una figura geometrica.

La stessa cosa accade davanti ad un cielo stellato!

Fin dall’antichità i popoli hanno cercato di dare un senso alla disposizione delle stelle nel cielo. Hanno immaginato delle linee di collegamento tra i vari astri e hanno visto, nell’insieme di queste linee, delle figure.

Cielo in una stanza - Costellazioni

Spesso le figure avevano forme di animali e personaggi mitologici che hanno ispirato leggende e racconti.

Queste forme immaginarie che uniscono tra loro gruppi di stelle sono dette Costellazioni e i loro nomi antichi sono utilizzati ancora oggi per riconoscere gli astri nel cielo.

a cosa servono le costellazioni?

Le costellazioni sono state importantissime per la storia dell’uomo perché hanno reso riconoscibili gli elementi della volta celeste. I navigatori conoscevano la mappa delle stelle e delle costellazioni e grazie ad essa riuscivano a capire in che direzione dirigere la loro nave.

Per esempio, riconoscendo nel cielo la costellazione dell’Orsa Minore, con la sua Stella Polare, si è certi di rivolgere lo sguardo in direzione Nord.

le costellazioni sono sempre uguali?

Assolutamente no! Bisogna fare attenzione perché la Terra ruota continuamente su se stessa e compie un giro intorno al sole che dura un anno intero, di conseguenza anche la posizione delle stelle varia continuamente.

Le costellazioni sono sempre le stesse ma la loro posizione e il loro orientamento varia di stagione in stagione. Quello che vedete qui sotto per esempio è lo schema delle costellazioni visibili in estate, dall’Italia, rivolendo lo sguardo in direzione Nord.

Costellazioni estate, quadrante nord.

La volta celeste vista da un bambino italiano è ben diversa da quella vista da un bambino che si trova dall’altro lato del pianeta, per esempio in Australia!

Riconoscere le costellazioni e creare il cielo in una stanza

  • Per allenarci a riconoscere le varie costellazioni abbiamo disegnato le costellazioni su un foglio di carta,
  • poi abbiamo bucato il foglio in corrispondenza delle stelle (prima con uno spillo e poi con uno stecchino, per ingrandire il foro).
  • infine abbiamo applicato il foglio su un tubo di cartone
  • e inserito una luce all’interno del tubo

In questo modo la luce poteva passare solo attraverso i piccoli fori sul foglio, proiettando la costellazione.

Costellazioni, il cielo in una stanza.

Scaricate qui il pdf con le nostre costellazioni o disegnatele da soli ricopiando il nostro schema.

Inventare nuove costellazioni

Le attuali costellazioni sono state introdotte dagli antichi Greci ma nel corso dei millenni ogni popolazione ha visto nel cielo forme diverse.

Perchè allora non provare a inventare delle nuove costellazioni?

  • Disegnate o stampate lo schema delle stelle del cielo che trovate nel nostro pdf, che potete scaricare qui.
  • disegnate con un pennarello nuove forme che collegano le stelle tra loro,
  • cosa viene fuori?
  • Inventate dei nuovi nomi per le vostre personalissime costellazioni!
  • Quest’estate potrete provare a riconoscerle nel cielo!

Se ti piace osservare il cielo, leggi anche il nostro spuntino sulla luna.

Consiglio letterario:
Per scoprire tutto sulle costellazioni vi consigliamo il libro“Costellazioni, le stelle che disegnano il cielo” testi di Lara Albanese, illustrazioni di Desideria Guicciardini.
Consiglio museale:
Al civico Planetario di Milano “Ulrico Hoepli” potrete straiarvi su delle comode poltrone e vedere il cielo stellato proiettato sulla grande volta dell’edificio, mentre una guida vi racconterà tutti i segreti delle costellazioni.